Iscriviti alla newsletter

Parliamo di…

Buone notizie /

Perché il gatto fa ‘il pane’ sulle persone?

Cosa significa quanto il gatto fa “la pasta” o “il pane ” con le sue zampe?

Scopriamolo insieme in questo articolo!

Fare il pane, impastare, fare la pasta… Chi ha un gatto sa bene di cosa stiamo parlando: di quel particolare momento in cui il nostro micio tutto preso dal farsi fare le coccole inizia a ricambiare le nostre attenzioni con un delicato massaggio.

Ma cosa significa quando il gatto fa il pane?

Questa attività è anche definita “fare biscotti“, “fare la pasta”, “fare il pane”, “fare il panettiere” o “calpestare il latte“, secondo un’espressione coniata dallo zoologo Desmond Morris.

È un movimento istintivo che i gatti imparano a fare fin dalle prime ore di vita. Infatti, i gattini inizialmente massaggiano con le zampe le mammelle della madre per stimolare la produzione del latte e favorirne la fuoriuscita.

Oltre ad avere un richiamo all’infanzia, però, questo gesto dei nostri amici gatti nasconde molto di più sia a livello ormonale che psicologico.

Da un punto di vista ormonale, l’atto di impastare con le zampe si accompagna al rilascio di endorfine nell’organismo del micio che in questo modo si sente più rilassato e a suo agio. Infatti, molto spesso, al movimento delle zampe si accompagnano le fusa, altro strumento utilizzato dai gatti per indurre un senso di benessere e ridurre lo stress.

Può capitare che il gatto faccia “il pane” anche sulle coperte o sui cuscini. In tal caso, secondo i veterinari, questo comportamento pare essere riconducibile ad un retaggio ancestrale, quando i gatti selvatici “impastavano” il terreno per valutare la sicurezza e la comodità del possibile giaciglio. Allo stesso modo i nostri gatti domestici lo fanno per ammorbidire l’area che hanno scelto per riposare.

Quando il gatto fa la pasta: il punto di vista psicologico

Da un punto di vista psicologico e comportamentale,impastando i gatti marcano quel particolare posto come sicuro, confortevole e di loro proprietà. Questo avviene grazie a delle ghiandole presenti nei cuscinetti delle zampe che hanno la capacità di rilasciare un tipo di feromone che rende questo particolare movimento una vera e propria marcatura territoriale. Tanto che, se avete più di un gatto, avrete notato come spesso il micio che sta “impastando” venga scacciato da un altro gatto di casa che ne prende poi il posto.

Cosa succede se il mio gatto non impasta?

Assolutamente nulla! Non tutti i gatti adulti lo fanno, semplicemente perché non tutti i gatti sono uguali.

Inoltre, non è vero che fare il pane sia un comportamento legato di per sé allo svezzamento precoce, che invece può essere associato alla ricerca del micio di altre mammelle: mordicchiando o succhiando coperte, cuscini, vestiti o altro.

Ricapitolando, perché il gatto fa la pasta o il pane?

  • Richiamo all’infanzia
  • Stato di rilassamento indotto
  • Memoria ancestrale
  • Marcatura del territorio

Anche i vostri gatti fanno la pasta? Quali sono i loro posti preferiti?

Raccontateci le vostre esperienze con un commento sulla nostra pagina Facebook!



Iscriviti alla newsletter
10 giugno 2020
# gatti, comportamento, felini,

PILLOLE DI BENESSERE

Processionarie: un pericolo per cani e gatti

Possono sembrare degli innocui bruchi pelosi, ma le processionarie sono coperte di peli urticanti e possono rappresentare un pericolo per la salute di cani e gatti.     In questi primi giorni di primavera è facile trovare le processionarie in giro, soprattutto nei pressi di grandi alberi come pini, cedri e querce, dove sono solite fare i loro bozzoli simili a soffici cumuli di cotone.   L’aspetto piccolo e innocuo…

Continua a leggere

SPECIALE

Stai per adottare un cucciolo?

Tutte le nostre guide per aiutarti a capire il cane e il gatto

AFORISMI

"Il gatto lecca raggi di luna nella scodella dell'acqua, pensando che siano latte."

Proverbio Indù

LIBRI

Per aiutarvi a capire e accudire il gatto, simbolo di eleganza e mistero al tempo stesso, una collana di libri illustrati e inediti, realizzati dal Corriere della Sera.

Continua a leggere