Parliamo di…

Curiosità /

Gli animali più pericolosi al mondo!

 

I più recenti studi sull’enorme varietà di specie presenti nel mondo animale hanno individuato quali, fra queste, possono essere potenzialmente definite le più pericolose e letali per l’uomo. Alcune sono insospettabili, come ad esempio le minuscole zanzare, altre fanno invece parte delle tipologie di animali selvatici più temute di sempre.

Se sei curioso di scoprire quali siano i sei animali ritenuti più pericolosi e temibili, non ti resta che leggere i prossimi paragrafi!

1. Lo squalo bianco

Si tratta del pesce predatore più grande di tutti gli oceani, altrimenti conosciuto come Carcharodon carcharias. Sia i maschi che le femmine hanno un’enorme potenza mascellare e sono dotati di temibili denti affilati e seghettati, grandi oltre 5 cm. Predilige le carni grasse e succose, pertanto quella umana non rientra fra le sue preferite. Nel caso si senta in pericolo o sia affamato, comunque, non si fa scrupoli ad attaccare.

2. L’ippopotamo

Questo mammifero erbivoro è tra i più grandi al mondo, potendo sfiorare i 4 mt di lunghezza e il metro e mezzo di altezza al garrese. La sua temibile apertura mandibolare può raggiungere i 150 gradi ed è dotata di una possente muscolatura. Solitamente gli ippopotami hanno un comportamento pacifico, ma se si sentono minacciati o sono particolarmente affamati possono arrivare ad attaccare anche gli uomini.

3. Il drago di Komodo

Tra le specie conosciute di lucertole, il Drago di Komodo è sicuramente la più grande. Può infatti arrivare a pesare oltre 60 kg e raggiungere i 3 metri di lunghezza. È in grado di uccidere le sue prede con un solo morso, iniettando nelle carni delle vittima, similmente ai serpenti, un potente mix di veleno e batteri. Le conseguenze immediate dei morsi del Drago di Komodo sono la paralisi muscolare e la perdita di coscienza, ma a queste si aggiunge l’incapacità di coagulazione dei fluidi corporei. Le prede, infatti, muoiono per lo più dissanguate.

4. Il leone africano

Si tratta del più grande felino esistente, infatti più raggiungere i 3 metri di lunghezza e oltre 200 kg di peso. Tra tutti gli animali, è quello che miete più vittime tra gli umani, poiché nell’Africa sub-sahariana e in alcune regioni dell’India è solito attaccare i proprietari terrieri o i coltivatori che, incautamente, si spingono nel suo territorio.

5. La zanzara

Questi piccolissimi insetti ematofagi sono fra i più pericolosi per l’uomo in quanto, con le loro punture, possono trasmettere un gran numero di malattie. Le zanzare tigre sono portatrici della dengue, mentre la malaria è trasmessa dalle specie denominate Anopheline. Ogni anno, in particolare nei Paesi più poveri, questi animali causano diverse centinaia di migliaia di morti.

6. Il coccodrillo

È il carnivoro per eccellenza, che non fa alcuna distinzione tra le sue vittime, siano esse umane e animali. Si ciba sia di creature vive, sia di quelle morte e l’uomo in particolare, nel momento in cui sconfina nel suo territorio, rientra fra le sue vittime preferite. Gli esemplari più grandi possono raggiungere anche i 20 metri di lunghezza.



Iscriviti alla newsletter
21 ottobre 2021

PILLOLE DI BENESSERE

I benefici (che non conoscevi) della carne di maiale per cane e gatto

  La carne di maiale può essere un ottimo sostituto della carne di manzo. Inserire questa carne nell’alimentazione del cane e del gatto è possibile. Vediamo come farlo e quali sono i suoi benefici. La carne di maiale può inserirsi benissimo nella dieta di cane e gatto. L’importante è scegliere la giusta preparazione di questa succulenta carne, privilegiando i prodotti cotti nel modo corretto e che utilizzino tagli freschi e magri.…

Continua a leggere

SPECIALE

Stai per adottare un cucciolo?

Tutte le nostre guide per aiutarti a capire il cane e il gatto

AFORISMI

"Lasciate entrare il cane coperto di fango, si può lavare il cane e si può lavare il fango. Ma quelli che non amano né il cane né il fango quelli no, non si possono lavare."

Jacques Prevert

LIBRI

Il segreto per una vita felice? Potremmo scoprirlo osservando il nostro gatto.

Continua a leggere