Parliamo di…

Curiosità /

Il gatto starnutisce: quando preoccuparsi

Ogni qualvolta il gatto starnutisce ti fa sorridere a causa del suo simpatico verso? Se si tratta di un fenomeno sporadico è bene prenderlo alla leggera poiché non è affatto preoccupante, ma se frequente e prolungato il consiglio è di eseguire una visita veterinaria giacché i fattori scatenanti potrebbero essere più seri.


Cosa vuol dire se il gatto starnutisce

Quando il gatto starnutisce solo ogni tanto la causa potrebbe essere associata a un evento passeggero come ad esempio un odore fastidioso, un profumo troppo forte, il fumo di una sigaretta o un corpo estraneo da espellere.

Al contrario se continua a manifestare questo sintomo sarebbe consigliabile richiedere un parere ad un esperto, dal momento che uno dei maggiori motivi potrebbe essere un’infezione virale all’altezza delle vie respiratorie, soprattutto nel caso di mici in tenera età. Quello che consola è che fortunatamente esistono vaccinazioni in grado di debellare il problema o addirittura prevenirlo.

In altri casi potrebbe invece trattarsi di herpesvirus, calicivirus, peritonite infettiva, virus dell’immunodeficienza felina, leucemia felina, infezione dovuta alla clamidia, di origine batterica o fungina.

Meno probabile è invece un’ipotetica allergia, dal momento che i gatti sono meno soggetti a questo disturbo rispetto agli esseri umani. In ogni caso se fosse questa la causa scatenante, si renderebbe facilmente riconoscibile giacché sarebbero presenti anche dei pruriti cutanei.

Altri sintomi che spesso accompagnano gli starnuti

Quando gli starnuti avvengono ripetutamente per un tempo più o meno prolungato, potresti notare nel tuo piccolo amico a quattro zampe una vasta gamma di sintomi tra cui secrezioni nasali, lacrimazione, arrossamento degli occhi, disidratazione, difficoltà di masticazione, perdita di peso, anoressia, inappetenza, tendenza a sbavare, letargia, epistassi, difficoltà nella respirazione, gonfiore nasale e febbre.

In questi casi si rende necessaria una terapia specifica e pertanto il veterinario procederà ad analizzare e valutare anche per mezzo di una rinoscopia, ovvero un esame che prevede l’inserimento di un tubicino nel condotto nasale e della bocca, con lo scopo di visualizzarne adeguatamente la struttura, oltre che di effettuare un lavaggio e di prelevare un campione di mucosa.

Le possibili cure

Le cure per un gatto che starnutisce dipendono dal genere di causa scatenante e dalla gravità della situazione. Ad ogni modo nei casi di lieve entità i veterinari tendono a suggerire di adottare piccole strategie come ad esempio effettuare dei lavaggi nasali al fine di liberare le vie respiratorie oppure di adoperare un umidificatore con lo scopo di riequilibrare l’aria all’interno dell’ambiente in cui vive il felino, facendogli presto recuperare il suo benessere fisico.

In altri casi più gravi potrebbero invece essere necessari degli antibiotici per un trattamento più incisivo e ad ampio spettro, non escludendo neppure l’utilizzo di eventuali antistaminici. È utile specificare come nella maggior parte delle volte queste terapie risultino efficaci tanto da non richiedere la necessità di un intervento chirurgico.



Iscriviti alla newsletter
8 settembre 2022

PILLOLE DI BENESSERE

I benefici (che non conoscevi) della carne di maiale per cane e gatto

  La carne di maiale può essere un ottimo sostituto della carne di manzo. Inserire questa carne nell’alimentazione del cane e del gatto è possibile. Vediamo come farlo e quali sono i suoi benefici. La carne di maiale può inserirsi benissimo nella dieta di cane e gatto. L’importante è scegliere la giusta preparazione di questa succulenta carne, privilegiando i prodotti cotti nel modo corretto e che utilizzino tagli freschi e magri.…

Continua a leggere

SPECIALE

Stai per adottare un cucciolo?

Tutte le nostre guide per aiutarti a capire il cane e il gatto

AFORISMI

"Sono come un gatto e mi piace lavorare a casa."

Ferzan Özpetek

LIBRI

Il mio cammino verso il cane Autore: Antonio Bellò Editore: PAV Edizioni Anno: 2019 Prezzo: 15,00 € Cosa racconta… Per comprendere il libro è necessario sapere chi è l’autore: Antonio Bellò arruolato nella Guardia di Finanza nel 1959, l’anno successivo, superati gli esami di allievo finanziere e i test specifici, viene scelto per la specializzazione a Cinofilo con destinazione Castiglione del Lago (PG) presso la Sede della Scuola Cinofila della…

Continua a leggere