Parliamo di…

Curiosità /

Essere “come cane e gatto” è solo una leggenda metropolitana

Si è portati a credere che una barriera invisibile, ma impossibile da attraversare pacificamente, divida cani e gatti. L’idea che ai cani non piacciono i gatti e viceversa è un luogo comune di una certa forza; ma c’è qualcosa di vero dietro a questa leggenda?

Uno studio dei ricercatori della British Veterinary Association ha smentito che la vicinanza quotidiana di un cane sia la maggior causa di stress nei gatti, anzi, tra le due specie si può instaurare un buon rapporto. Piuttosto, pare che sia proprio la convivenza con altri consimili a stressare i felini!

Cani e gatti non vanno d’accordo. Un mito da sfatare

Studi recenti (e meno recenti!) confermano che l’odio tra cani e gatti è solo un mito. Cani e gatti non sono affatto nemici naturali, anche se alcune differenze comportamentali possono creare contrasti.
Cani e gatti non si odiano; se hanno un’indole pacifica, data dalla razza e/o dal carattere individuale, e sono stati abituati a convivere, si fanno buona compagnia. Rispettano più facilmente l’uno gli spazi dell’altro e qualche volta risolvono le questioni in modo, per così dire, “vivace”, ma non per questo odiandosi a vicenda. Tra gatti, invece, la rivalità tende ad essere ben maggiore della complicità e, soprattutto se gli spazi in comune sono ridotti, l’azzuffata è quasi inevitabile. Lettiere, ciotole e tiragraffi difficilmente sono pacificamente condivisi tra i mici di casa. Meglio rispettare l’individualità, per il loro benessere e per la nostra tranquillità.

Ai cani piace inseguire qualcosa che si muove: quindi anche i gatti!

Se il cane rincorre il gatto, non significa che vuole fargli del male: il fatto è che un felino in rapido movimento innesca nel cane un istinto alla caccia forte e naturale. In realtà, gli studiosi del comportamento animale sono giunti alla conclusione che, tra il ruolo di cacciatore e quello di preda, le due specie si compensino, e che questo aiuti a soddisfare pulsioni altrimenti represse.
L’educazione alla socializzazione può comunque rendere la relazione tra cane e gatto più facile, mitigando le spinte istintive e incanalandole nel gioco pacifico.
Invece, le tenere immagini di gattini che giocano tra loro spesso hanno un presupposto imprescindibile: che i due mici siano cresciuti insieme dalla nascita.

Socializzare, l’importante aiuto del padrone

La socializzazione precoce tra gattini e cuccioli li aiuta a superare i sospetti e l’introduzione di animali giovani ad animali più anziani, in genere più tolleranti e tranquilli, incoraggia i piccoli ad abitudini di rispetto. Questo vale sia quando a dover condividere la casa siano cane e gatto, sia quando si tratta solo di felini.
Nei casi un cui l’incontro avvenga tra due individui adulti, si dovrà avere un po’ più di pazienza nell’addestramento, e non dimenticare che un cagnolone di grossa taglia potrebbe sempre far del male, in un impeto di rabbia incontrollata, al gattino di casa. Tra gatti… beh! Meglio non immaginare la serie di disastri causati in casa da due gatti litigiosi.

Problemi di comunicazione tra bau e miao

Cani e gatti comunicano in modo diverso. Una coda scodinzolante su un cucciolone indica giocosità. La coda del micio che si agita è solitamente un segno di nervosismo. I cani che interpretano male questi segnali possono finire per ricevere un graffio sul naso da un gatto infastidito e i felini possono imparare a diffidare dei cani dopo essere stati inseguiti “malgrado” avessero agitato la coda in tono minaccioso.
Recenti studi hanno però rilevato che cani e gatti, soprattutto se abituati a vivere nella stessa famiglia, mostrano entrambe capacità di comunicazione interspecie.
È per questo che, nonostante evidenti differenze comportamentali, molti cani e gatti imparano a vivere in armonia e a sviluppare relazioni amichevoli, fino a giocare senza litigare o fare un pisolino insieme. Cosa che tra gatti accade in modo naturale se i pelosetti fanno parte di una stessa cucciolata.

Gatto stressato? Non è colpa del cane

Insomma, dai risultati dei vari studi, e in particolare della ricerca recente portata avanti dagli inglesi, risulta che la convivenza con un cane non è quasi mai fonte di stress per il gatto di casa. Le analisi dei questionari a cui hanno risposto 520 veterinari hanno stabilito che i gatti hanno maggiori probabilità di essere stressati e presentare problemi comportamentali quando vivono con altri gatti, piuttosto che con cani (o altri animali domestici).

Quindi: il tuo cane e il tuo gatto potrebbero finire per diventare i migliori amici. I tuoi gatti, invece, anche no!



Iscriviti alla newsletter
21 ottobre 2022

PILLOLE DI BENESSERE

I benefici (che non conoscevi) della carne di maiale per cane e gatto

  La carne di maiale può essere un ottimo sostituto della carne di manzo. Inserire questa carne nell’alimentazione del cane e del gatto è possibile. Vediamo come farlo e quali sono i suoi benefici. La carne di maiale può inserirsi benissimo nella dieta di cane e gatto. L’importante è scegliere la giusta preparazione di questa succulenta carne, privilegiando i prodotti cotti nel modo corretto e che utilizzino tagli freschi e magri.…

Continua a leggere

SPECIALE

Stai per adottare un cucciolo?

Tutte le nostre guide per aiutarti a capire il cane e il gatto

AFORISMI

"L’idea che hanno i gatti della comodità è assolutamente incomprensibile agli uomini."

Sidonie Gabrielle Colette

LIBRI

I baffi dei gatti sono una delle fonti dei superpoteri felini e nascondono numerosi segreti. Scopri a cosa servono leggendo l’articolo! “Buono da leccarsi i baffi!” con questa espressione viene subito alla mente un gatto soddisfatto che si pulisce il muso con la lingua dopo un gustoso pranzetto, ma i suoi baffi hanno solamente una funzione estetica? Decisamente no! Le vibrisse, questo il nome tecnico dei baffi dei nostri gatti,…

Continua a leggere